D299B Gestione e prevenzione dei rischi psicopatologici nella sicurezza sui luoghi di lavoro (*)

 

 

DURATA
2 giorni

DATE
09-10 ottobre 2018

ORARIO
1° giorno: 9-13/14-17
2° giorno: 9-14

RELATORE
Dott. Dario CANGIANO
Psicologo clinico, esperto in Psicologia dell’emergenza e RSPP presso Ministero Difesa

QUOTA DI PARTECIPAZIONE: euro 490,00 + IVA (la quota è esente da IVA se corrisposta da Enti pubblici)

RELATORE
Dott. Dario CANGIANO
Psicologo clinico, esperto in Psicologia dell’emergenza e RSPP presso Ministero Difesa

Alla luce di una continua ed emergente complessità lavorativa arricchita da dimensioni psicologiche determinanti per la riuscita di scopi professionali, questo corso si propone di sottolineare come gli ambienti di lavoro siano caratterizzati da un continuum di stati psicologici lungo il quale i lavoratori si distribuiscono dando luogo a un ventaglio di condizioni di salute psichica che si ripercuote sul singolo e sul gruppo. Al riguardo, concentrando la didattica nella cornice della sicurezza sui luoghi di lavoro, si evidenzia la reale necessità di approfondire la tematica dei rischi psicopatologici, la loro insorgenza, la possibilità di effettuare una concreta prevenzione su essi e la conseguente riarmonizzazione del contesto lavorativo. A tale proposito, lo scopo del corso è fare il punto della situazione sull’attuale stato di salute delle popolazioni che costituiscono gli ambienti di lavoro e le ripercussioni psicopatologiche derivate da essi.

DESTINATARI
Amministratori, dirigenti e, in generale, chiunque ricopra ruoli di direzione, coordinamento o responsabilità su persone, attività e risultati; Responsabili e Addetti al Servizio prevenzione e protezione. Il corso è rivolto in pratica a tutti coloro che desiderano potenziare le capacità relazionali e comunicative con l’acquisizione di metodiche tese a promuovere la salute umana nell’ambiente lavorativo.

OBIETTIVI
Il corso propone un'ampia panoramica sulle attività di prevenzione e gestione dei rischi psicopatologici, con attenzione su alcune psicopatologie lavorative e sulle metodiche per definire piani di azione, progetti atti alla risoluzione dei problemi e alla capacità di integrare la qualità dell’ambiente di lavoro con l’efficacia comunicativa interpersonale. Per queste motivazioni, si configura come un’opportunità di crescita lavorativa e di arricchimento culturale, tale da potenziare le capacità direttive che sono necessarie a valorizzare il capitale umano, ponendo così attenzione ai processi decisionali e alle strategie di risoluzione delle situazioni conflittuali.

PROGRAMMA
Aspetti psicologici della sicurezza. Safety e Security: aspetti oggettivi e soggettivi della sicurezza caratterizzata dai suoi effetti. La prospettiva psicologica della sicurezza collegata alla percezione del rischio e alla gestione delle emozioni. Le discipline e settori di riferimento per lo psicologo. La definizione del ruolo dello psicologo in ambito sicurezza. Percezione del rischio e richiesta d’aiuto di tipo psicologico. Formazione condivisa tra intervento tecnico e psicologico. Comunicazione efficace-pragmatica: capacità comunicative verbali e non verbali. Gestione del gruppo lavorativo caratterizzata da monitoraggio, eterocentrismo, ascolto attivo, resilienza, assertività ed empatia.
Definizione–valutazione rischio stress lavoro correlato ai sensi del d.l.vo. 81/08 e dell’Accordo europeo nell’intento di fornire una individuazione dei problemi di stress da lavoro come l’alto assenteismo, turni pesanti e conflitti interpersonali e intrapersonali, seguendo la legislazione vigente. Figure preposte al rilevamento dello stress e valutazione preliminare. Eustress e distress. Interventi correttivi, valutazione approfondita e attività collaterali. Obblighi del datore di lavoro nei confronti dei rischi psicopatologici. Percezione dello stress nei diversi contesti di lavoro, dalle osservazioni iniziali fino al rischio di burn-out e altre sindromi dissociative e derealizzanti.
Progettazione sportello sostegno psicologico per gli ambienti di lavoro e lo stato di salute di coloro che li vivono. Rete di psicologi della P.A. per la salute e il benessere organizzativo. Comitati unici di garanzia (CUG). Normative e figure di riferimento per l’organizzazione e la strutturazione di spazi di ascolto. Disagio nelle relazioni lavorative. Una ricerca qualitativa che sottolinea i fattori di crescita e di ostacolo nelle relazioni professionali che si attuano nelle dinamiche del supporto psicologico mediante specifici interventi risolutivi. Esempi di progettualità tese a fornire riscontri ottimali tali da indurre alla sperimentazione di nuove metodiche psicologiche nei contesti lavorativi.

(*) Il corso ha anche valore di aggiornamento obbligatorio, secondo quanto disposto dal nuovo Accordo Stato-Regioni del 7/7/2016, della durata di 12 ore, per i Responsabili dei SPPR.
L’attestato di partecipazione e profitto verrà rilasciato dal Sindacato DIRSTAT, in Convenzione con il CEIDA.

Ceida - Via Palestro, 24 - 00185 Roma, Tel. 06492531 - Fax:06.44704462 - Email: seminari Ceida