D126 La nuova disciplina sulla valutazione dell’impatto ambientale

 

 

DURATA
1 giorno

DATA
20 febbraio 2018

ORARIO
9,30-13/14-16,30

QUOTA DI PARTECIPAZIONE: euro 250,00 + IVA (la quota è esente da IVA se corrisposta da Enti pubblici)

RELATORE
Ing. Antonio VENDITTI
Coordinatore della Divisione II - Sistemi di valutazione ambientale (VIA-VAS), Ministero dell’ambiente

PROGRAMMA
Il contesto normativo di riferimento. L’evoluzione della VIA in Europa: la direttiva 85/337/CEE; le modifiche apportate dalle direttive 97/11/CE, 2003/35/CE, 2009/31/CE e la direttiva codificata (2011/92/UE). L’esigenza di una nuova VIA in Europa: i pilastri della nuova direttiva VIA (2014/52/UE). L’evoluzione della VIA in Italia: dalla l. 349/86 al d.l.vo 152/06; il quadro normativo regionale; la risoluzione della procedura di infrazione 2009/2086 per non conformità della normativa nazionale sulla VIA; il d.l.vo 16/6/17, n. 104 di attuazione della direttiva 2014/52/UE.
La VIA: procedura, attori, documentazione. Le fasi della procedura: dall’istanza al provvedimento. Gli attori: ruoli e compiti delle autorità competenti, dei proponenti, dei cittadini. Documentazione tecnica: il Progetto, lo Studio di impatto ambientale, la Sintesi non tecnica.
L’attuazione della VIA in Italia. Trent’anni di VIA in Italia (statistiche nazionali sulle tipologie di progetti, stato di attuazione delle opere realizzate, ottemperanza delle prescrizioni). Buone pratiche e criticità: analisi dei punti di forza e di debolezza procedurali e tecnici.
La nuova disciplina sulla VIA. Principali elementi innovativi per migliorare l’efficacia e l’efficienza dei procedimenti (fasi e tempistiche, autorità competenti e soggetti coinvolti, documentazione amministrativa e tecnica, informazione e partecipazione del pubblico). I procedimenti: verifica preliminare per modifiche/estensione di opere esistenti basata su liste di controllo scoping “progettuale”: scoping“ambientale”; verifica di assoggettabilità a VIA. Provvedimento unico in materia ambientale (statale) e Provvedimento autorizzatorio unico (regionale).
La riorganizzazione delle competenze tra Stato e Regioni: le modifiche agli Allegati II, III e IV e il nuovo allegato II bis alla Parte seconda del d.l.vo 152/06. La qualità della VIA per il proponente (livello della progettazione ai sensi del d.l.vo 50/16, contenuti dello Studio preliminare ambientale e dello Studio di impatto ambientale) e per l’autorità competente (la nuova Commissione tecnica per le valutazioni ambientali nazionale).
Strumenti per migliorare l’informazione e la partecipazione del pubblico (informatizzazionedei processi e delle procedure, consultazione del pubblico, inchiesta pubblica, siti web,acquisizione dei pareri, consultazioni transfrontaliere). Dal progetto all’opera: l’ottemperanza delle condizioni ambientali associate al provvedimento di VIA, verifiche, controlli, sanzioni.

Ceida - Via Palestro, 24 - 00185 Roma, Tel. 06492531 - Fax:06.49384866 - Email: seminari Ceida