C451 Il RUP nel nuovo codice dei contratti pubblici

 

DURATA
1 giorno

DATE
10 NOVEMBRE 2017

ORARIO
9,00-14,30

QUOTA DI PARTECIPAZIONE: euro 250,00 + IVA (la quota è esente da IVA se corrisposta da Enti pubblici)

RELATORE
Avv. Angelita CARUOCCIOLO
Avvocato amministrativista in Roma e Napoli. Componente tavoli tematici coordinati da ANAC per la redazione del nuovo Piano nazionale Anticorruzione

Il seminario ha lo scopo di analizzare in dettaglio le diverse attribuzioni che la legge e i provvedimenti ANAC affidano al RUP. In particolare sarà enucleata la serie di prerogative che nel corso di tutta la vicenda contrattuale il RUP manifesta nell’esercizio delle sue funzioni.
L’analisi di tale figura centrale è l’occasione per elaborare non solo le sue attribuzioni ma soprattutto per ripercorrere e scomporre le diverse fasi e sub-fasi sia dei momenti procedimentali legati alla scelta del contraente sia della fase di esecuzione.

PROGRAMMA
Codice dei contratti pubblici e coordinamento con le modifiche normative del c.d. decreto Madia. Il nuovo sistema delle fonti del diritto in materia di appalti pubblici. Legge e soft law: le linee guida di ANAC e MIT. La funzione consultiva del Consiglio di Stato: in particolare le nuove linee guida sull’attività dei RUP.
I requisiti professionali del RUP e le eventuali cause di incompatibilità. Supporto esterno per il RUP. I casi di rotazione delle mansioni. La valutazione della sussistenza dei conflitti di interesse. I chiarimenti delle linee guida su RUP, commissioni, OE+V. Le quattro fasi dell’operazione contrattuale.
La scelta e nomina del RUP: in particolare la redazione dell’atto di nomina. Le regole sulla scelta del RUP nelle società in mano pubblica dopo il d.l.vo 175/16 (in attesa di rivisitazione). Ruolo e poteri del RUP nelle fasi dell’operazione contrattuale.
L’incidenza del PNA 2016 e la sezione dedicata agli acquisti anche con riferimento al mondo della sanità. RUP e rispetto delle misure del Piano di prevenzione della corruzione. Il nuovo rapporto con il responsabile della prevenzione della corruzione e della trasparenza.
La questione delle cause di incompatibilità: in particolare le dichiarazioni sul conflitto di interessi. Modalità di acquisizione delle dichiarazioni sul conflitto di interessi relative agli altri soggetti che intervengono nella procedura contrattuale. Conseguenze della mancanza o della infedeltà della dichiarazione: la gestione consequenziale. Analisi dei rapporti con il dirigente (se diverso dal RUP): in particolare la delega di firma e la delega di funzioni e le relative responsabilità.
L’applicazione del sistema di rotazione degli incarichi: in particolare la rotazione ordinaria e quella straordinaria. La responsabilità del RUP nella fase di esecuzione dell’appalto e la contestazione dei gravi inadempimenti. Gli atti del RUP e obblighi di trasparenza. Il RUP tra accesso ai documenti e accesso civico agli atti della procedura contrattuale.
La gestione della fase precontenziosa (autotutela, parere precontenzioso ad ANAC), giudiziale (giudice amministrativo/giudice civile) e susseguente (intervento successivo di ANAC ai sensi dell’art. 211, comma 2, d.l.vo 50/16 e Corte dei conti) e individuazione degli specifici oneri rimessi alla competenza del RUP. Sanzioni e profili di responsabilità a carico del RUP. Analisi strumenti per la corretta operatività del responsabile dell’operazione contrattuale.

Ceida - Via Palestro, 24 - 00185 Roma, Tel. 06492531 - Fax:06.49384866 - Email: seminari Ceida