C042 Gestione del contenzioso nei contratti pubblici

 

IL CONTENZIOSO NEL NUOVO CODICE – CONTENZIOSO DI GARA E LE MODIFICHE AL CODICE DEL PROCESSO AMMINISTRATIVO – CONTENZIOSO IN SEDE DI ESECUZIONE – COMPATIBILITÀ DELLA DISCIPLINA NAZIONALE CON QUELLA COMUNITARIA

DURATA
1 giorno

DATA
15 giugno 2018

ORARIO
9,00 - 14,30

QUOTA DI PARTECIPAZIONE: euro 250,00 + IVA (la quota è esente da IVA se corrisposta da Enti pubblici)

RELATORE
Avv. Maria Francesca MATTEI
Avvocato amministrativista in Roma - Esperta in materia di contrattualistica pubblica; già Dirigente del Servizio Contenzioso e del Servizio Studi giuridici di ANAS S.p.A.

Nel Codice dei contratti pubblici l'approccio al contenzioso rappresenta una delle chiavi di intervento maggiormente rilevanti sul piano della strategia complessiva perseguita. Infatti, la riduzione delle occasioni generatrici della necessità di ricorrere al giudice, sia esso amministrativo o civile,viene perseguita in vari modi:
dal soccorso istruttorio reso, da ultimo, del tutto gratuito, alla preclusione del ricorso sull'aggiudicatario per questioni attinenti alla sua qualificazione sino alla conferma degli strumenti alternativi, quali la transazione, l'arbitrato e l'accordo bonario. In controtendenza l'abolizione del Collegio consultivo tecnico, voluto dal correttivo, mentre saldo resta l'apporto dell'ANAC con i pareri di precontenzioso.

PROGRAMMA
Il contenzioso nelle procedure di gara. La riduzione delle ragioni di ricorso al giudice. Il soccorso istruttorio: sua gratuità e funzionamento. L'irrilevanza di ogni modifica dei presupposti di determinazione della soglia di anomalia delle offerte. Le verifiche sull'aggiudicatario. La conferma delle regole rivenienti dalla direttiva ricorsi (2007/66/CE): gli obblighi di comunicazione. L'ANAC e gli strumenti per la riduzione del contenzioso; i pareri di precontenzioso e la loro impugnabilità. Il rito appalti nei ricorsi amministrativi: competenza e ambiti di tutela in via cautelare. Le modifiche all'art. 120 del c.p.a. recate dal codice dei contratti. Gli effetti dell’annullamento dell’aggiudicazione sulla sorte del contratto. La reintegrazione in forma specifica e in forma equivalente.
Il contenzioso nella fase di esecuzione. Presupposti della domanda giudiziale; le riserve negli appalti pubblici. Strumenti alternativi rispetto al ricorso al giudice ordinario. La transazione: presupposti e regole. L'accordo bonario; utilizzabilità anche per forniture e servizi. Valutazione sulla fondatezza e ammissibilità delle richieste; poteri e responsabilità del RUP; composizione della commissione di esperti e designazione del presidente; le modifiche introdotte dal correttivo.
L'arbitrato e l'applicabilità delle relative regole anche ai rapporti nati ante codice. Il principio secondo cui l’arbitrato è ammesso se previsto nel bando; il divieto del compromesso; compensi degli arbitri; nuove incompatibilità alla nomina ad arbitro; deposito del lodo presso la camera arbitrale; differenze rispetto al regime previsto dal c.p.c.; nuovo regime di impugnazione del lodo.
Il giudizio ordinario: termini; predisposizione degli atti difensivi; mezzi di prova.

Ceida - Via Palestro, 24 - 00185 Roma, Tel. 06492531 - Fax:06.49384866 - Email: seminari Ceida