A416 Il rito del lavoro nelle P.A. e la difesa in giudizio dell’Amministrazione

 

- LE CONTROVERSIE CONCERNENTI I RAPPORTI DI LAVORO CON LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE
- IL RITO DINANZI AL GIUDICE ORDINARIO
- CONCILIAZIONI
- ARBITRATI
- GLI UFFICI PER LA GESTIONE DEL CONTENZIOSO

DURATA
2 giorni

DATE
18-19 ottobre 2018

ORARIO
9,00 - 14,30

QUOTA DI PARTECIPAZIONE: euro 490,00 + IVA (la quota è esente da IVA se corrisposta da Enti pubblici)

RELATORI
Avv. Maria GENTILE
Professore ordinario della Scuola Nazionale dell’Amministrazione
Dott. Paolo MORMILE
Magistrato del lavoro

PROGRAMMA
Il rito del lavoro e il contenzioso relativo ai pubblici dipendenti: il processo per le controversie di lavoro dei dipendenti di amministrazioni pubbliche introdotto dal d.l.vo 80/98 e successive modifiche. La giurisdizione: distinzione tra controversie appartenenti alla giurisdizione del giudice ordinario e controversie appartenenti alla giurisdizione del giudice amministrativo.
Risvolti organizzativi per la Pubblica Amministrazione derivanti dalla devoluzione al giudice ordinario delle controversie sul pubblico impiego: la creazione e l’organizzazione degli uffici per la gestione del contenzioso del lavoro.
Principali questioni. Controversie relative: allo status giuridico; ai trasferimenti; al conferimento e revoca degli incarichi dirigenziali; alle differenze retributive per lo svolgimento di mansioni superiori; al demansionamento e al mobbing; ai diritti patrimoniali del dipendente. Le controversie in materia di procedure concorsuali e di assunzione.
La tutela prevista dall’art. 28 della l. 300/70 (Statuto dei lavoratori). Le azioni contro le discriminazioni alla luce dell’art. 28 del d.l.vo 150/11. Il procedimento disciplinare e la sua sindacabilità in sede processuale. Il licenziamento disciplinare anche alla luce delle più recenti riforme introdotte in attuazione della l. 124/15, c.d. legge Madia. La rideterminazione della sanzione ad opera del giudice in ipotesi di violazione del principio di proporzionalità della sanzione irrogata.
Esame ragionato della giurisprudenza.
Profili processuali: il giudizio innanzi al giudice del lavoro. La difesa in giudizio all’amministrazione: strategie; parametri decisionali; limiti alla disponibilità dell’oggetto delle controversie.
I filtri deflattivi del contenzioso: la difesa in giudizio della P.A. e l’art. 417bis c.p.c.; l’accertamento pregiudiziale sull’efficacia, validità e interpretazione dei contratti collettivi; il giudizio incidentale di interpretazione del contratto collettivo; le spese di lite. Il nuovo tentativo di conciliazione di cui all’art. 410 c.p.c. Le ipotesi di arbitrato disciplinate dagli artt. 412, 412ter. e 412quater del c.p.c.
La costituzione in giudizio e lo svolgimento del processo di primo grado. I poteri del giudice e la sentenza.
Il nuovo art. 18 della l. 300/70 e il problema della applicabilità ai rapporti di lavoro dei dipendenti pubblici: l’approdo del giudice di legittimità. Le determinazioni del più recente legislatore in ordine alla permanenza nel mondo del lavoro pubblico privatizzato della tutela reale in ipotesi di licenziamento nullo o annullato. Cenni sul nuovo rito disegnato dalla l. 92/12. Cenni sul giudizio d’appello: la disciplina di cui alla l. 134/12 sul c.d. filtro e la ragionevole probabilità di accoglimento del gravame.
Il processo telematico di cui al d.l. 179/12 e al d.l. 90/14. Tecniche defensionali, verbalizzazione in udienza, istruttoria.

Stesura simulata di memorie per l’Amministrazione.

Ceida - Via Palestro, 24 - 00185 Roma, Tel. 06492531 - Fax:06.44704462 - Email: seminari Ceida