A137 Responsabilità e controlli sulle P.A. e sui gestori di risorse pubbliche

 

- RESPONSABILITÀ CIVILE
- RESPONSABILITÀ PENALE
- RESPONSABILITÀ AMMINISTRATIVO-CONTABILE
- RESPONSABILITÀ DISCIPLINARE
- RESPONSABILITÀ DIRIGENZIALE

DURATA
3 giorni

DATE
18-19-20 dicembre 2017

ORARIO
8,45 – 14,45

QUOTA DI PARTECIPAZIONE: euro 640,00 + IVA (la quota è esente da IVA se corrisposta da Enti pubblici)

RELATORI
Dott. Paolo PASSONI
Presidente di Sezione TAR Campania
Prof. avv. Giuseppe MONTANARA
Docente di diritto penale, Università di Teramo
e inoltre altri Magistrati di magistrature superiori

PROGRAMMA
Il dipendente pubblico e le sue 5 responsabilità. L’art. 28 della Costituzione e la responsabilità civile: la responsabilità diretta delle P.A. e quella degli impiegati per danni a terzi: limiti alla solidarietà passiva. Casistiche di danno. Rapporti tra responsabilità della P.A. e dei dirigenti e funzionari agenti: criteri per la imputazione del risarcimento ai funzionari.
La responsabilità amministrativa e contabile alla luce della più recente legislazione e giurisprudenza e del Codice di giustizia contabile (d.l.vo 174/16): in particolare la l. 97/01, la legge anticorruzione 190/12, il decreto anti-assenteisti 116/16, corretto dal decreto 118/17, i nuovi orientamenti della Cassazione con particolare riguardo alle pronunzie del 2015-2016. Danno da tangente e all’immagine: il nuovo regime contro l’assenteismo. Il concetto di colpa grave alla luce della giurisprudenza della Corte dei conti. La compensatio lucri cum damno e la insindacabilità del potere discrezionale. Danno erariale diretto e indiretto: casi e questioni. Non assicurabilità del danno erariale: l’art. 3, c. 59, della l. 244/07 e la giurisprudenza della Corte dei conti.
La responsabilità disciplinare: i contratti collettivi, il d.l.vo 150/09, la l. 190/12, la riforma Madia 124/15 (e decreto 75/17 attuativo) e il d.l.vo 116/16. Rapporti tra illecito penale e illecito disciplinare dopo il d.l.vo 150/09: il licenziamento “rapido” dopo i dd.l.vi 116/16 e 118/17 sugli assenteisti. Le modifiche su competenze, termini, vizi non invalidanti, rapporto penale/disciplinare nel recente d.l.vo 75/17. Responsabilità da omessa attivazione dei procedimenti disciplinari. I nuovi illeciti nella legge anticorruzione 190/12 e nel d.l.vo 75/17. Sospensioni cautelari rapide nel d.l.vo 116/16. I termini procedimentali generali (d.l.vo 75/17.) e in casi di assenteismo.
La responsabilità aquiliana della P.A. e dei suoi funzionari per danno ingiusto. L’elemento soggettivo (dolo o colpa). La responsabilità dell’amministrazione senza colpa per violazione del diritto comunitario secondo la giurisprudenza della Corte di Giustizia; soggetti passivi e criteri per la quantificazione del danno. Danno da ritardo. Esame della principale giurisprudenza della Corte costituzionale, della Corte di Cassazione e del giudice amministrativo in materia. La diligenza qualificata del “bravo funzionario” ex art. 1176 c.c. La responsabilità dell’amministrazione per gli atti illegittimi e per il mancato esercizio dell’autotutela ai sensi delle modifiche all’articolo 21 nonies della l. 241/90 ad opera della l. 164/14.
L'Autorità nazionale anticorruzione: poteri e funzioni, anche alla luce delle peculiari competenze previste dal d.l.vo 50/16 (nuovo Codice degli appalti pubblici): in particolare la responsabilità patrimoniale diretta e personale del dirigente, per inesecuzione dell’ordine di autotutela impartito da ANAC nei confronti della stazione appaltante, per atti di gara ritenuti illegittimi (art. 211 comma 2 d.l.vo 50/16).
La responsabilità dell’amministrazione nelle procedure di evidenza pubblica: gli artt. 120-125 del CPA; l’inefficacia ex nunc ed ex tunc del contratto in corso di esecuzione nel caso di annullamento degli atti di gara; la sanzione pecuniaria introdotta dall’art. 123 CPA. Le materie a rischio di corruzione e il monitoraggio rinforzato di legalità nel d.l.vo 33/13, come modificato dal d.l.vo 97/16. Il danno non patrimoniale ex art. 2059 nella più recente giurisprudenza della Corte di cassazione e del giudice amministrativo. Il danno da chance e il danno da disturbo nella giurisprudenza amministrativa. Il danno da ritardo cd. puro, l’art. 2 bis della l. 241/90 e l’art. 30 comma 5 del CPA. L’efficienza amministrativa, la specifica giurisdizione del G.A. mirata a ripristinarla (d.l.vo 198/09 cd. "class action pubblica") e le connesse responsabilità della P.A. soccombente. Rapporti fra azione sul silenzio e class action. Le responsabilità delle amministrazioni assenteiste nella nuova conferenza di servizi regolata dal d.l.vo 126/16.
Le responsabilità del funzionario e della P.A. da silenzio-inadempimento: le modifiche e le integrazioni all’art. 2 della l. 241/90 introdotte dalle leggi 35/12 e 134/12. La sostituzione del funzionario inerte con avocazione della pratica ai vertici apicali. Le responsabilità del funzionario e della P.A. da silenzio-assenso ex art. 17 bis e art. 14 bis comma 4 della l. 241/90, alla luce delle riforme-“Madia”. Responsabilità dirigenziale e procedimento disciplinare nel pubblico impiego dopo la legge anticorruzione 190/12 e il decreto trasparenza 33/13 modificato dal d.l.vo 97/16. Il “nuovo” licenziamento disciplinare per falsa attestazione della presenza in servizio ex d.l.vo 116/16.
La responsabilità penale alla luce delle norme e della giurisprudenza più recenti. I reati contro il patrimonio della P.A. commessi da pubblici ufficiali e da incaricati di pubblico servizio: il peculato. I reati contro il patrimonio della P.A. I reati contro il buon andamento della P.A.: rifiuto e omissione di atti d’ufficio; rapporti con il procedimento amministrativo. Rapporti con la responsabilità disciplinare. La fattispecie di corruzione: la corruzione propria e impropria; la corruzione attiva e passiva; la corruzione antecedente e susseguente; la induzione alla corruzione. La riforma dei delitti di corruzione e le figure di reato introdotte con la l. 190/12. I reati contro la fede pubblica. Le fattispecie di falsità documentale. Il falso materiale e quello ideologico. Le false attestazioni rese al pubblico ufficiale.

Ceida - Via Palestro, 24 - 00185 Roma, Tel. 06492531 - Fax:06.49384866 - Email: seminari Ceida